Fare Vedere Mangiare Bere in Italia

La Sicilia: storia, cucina, tradizione.

GO-ON-ITALY Sicilia Taormina

La Sicilia, grande isola incastonata nel blu del Mediterraneo, crocevia di culture e tradizioni, è una terra di straordinaria bellezza.

La Sicilia ha visto invasioni, convivenze pacifiche, sovrani illuminati che l’hanno arricchita di meraviglie architettoniche uniche al mondo. Le tante provincie siciliane sono un caleidoscopio di grandezza e sapori: un racconto della Sicilia non può prescindere dalla sua cucina.

GO-ON-ITALY offerte hotel sicilia

Palermo, la capitale

Se poteste trascorrere a Palermo solo cinque minuti della vostra vita, avremmo un’unica raccomandazione: posizionatevi all’incontro tra via Maqueda e l’antico Cassaro, oggi via Vittorio Emanuele, e a girate su voi stessi lentamente per almeno quattro o cinque volte.  Ovunque altro quello sarebbe un semplice incrocio, ma a Palermo sono i Quattro Canti, il Teatro del Sole, detto così perché durante la giornata le facciate vengono illuminate a turno dai raggi della nostra stella. I Quattro canti sono una sintesi della città, che ha molti volti, pronti a splendere per gli occhi dei visitatori.

Fondata dai Fenici, ambìta dai Greci Sicelioti, ingrandita dai Romani, conquistata dagli Arabi, amata dagli Ebrei, dai Normanni e dagli Spagnoli, la vivace capitale della Sicilia è una città ricca di storia e di cultura, in cui l’infinita mescolanza dei popoli emerge evidente nella sua architettura e nella sua cucina. C’è una piccola caratteristica delle vie della città che rende bene l’idea di questa commistione: molte vie della città vecchia – soprattutto nel quartiere della Kalsa, che diede i natali anche a Giovanni Falcone e Paolo Borsellino – sono indicate in tre lingue, italiano, arabo ed ebraico, segno che tutte sono ugualmente di casa.

Cosa mangiare e bere a Palermo

Tra le mete cittadine irrinunciabili c’è certamente la Cattedrale, la casa della “Santuzza”, la patrona cittadina Santa Rosalia, con le sue imponenti torri e i suoi stili architettonici stratificati riassume in sé la storia cittadina. Imperdibile anche il Palazzo dei Normanni, la più antica residenza reale d’Europa, con la Cappella Palatina e i meravigliosi mosaici bizantini, che ritroviamo anche alla Chiesa della Martorana. Degno di nota anche il Teatro Massimo, uno dei teatri lirici più grandi d’Europa.

La cucina palermitana riflette la vastità culturale cittadina. I mercati storici come Ballarò e la Vucciria offrono la migliore selezione di street food del mondo (non è un dato scientifico, è solo la nostra modesta opinione dopo aver visitato la città): arancine, pani câ mèusa (pane con la milza), panelle, mangia e bevi, crocchette di latte, anellini al forno… scegliere è davvero complesso. E non abbiamo ancora parlato dei dolci! Cannoli, cassate, bianco mangiare, iris, frutta martorana… non sono leggeri, ma non riuscirete a smettere di mangiarli! D’obbligo una puntata al monastero di Santa Caterina, dove le suore producono delizie da leccarsi i baffi.

GO-ON-ITALY Sicilia Palermo
Sicilia, Palermo

Catania, tra il mare e l’Etna

Situata ai piedi dell’Etna – che i catanesi chiamano affettuosamente “a muntagna” – Catania è una città dinamica, dalla forte identità culturale. Famosa per la sua architettura barocca, è stata ricostruita dopo il devastante terremoto del 1693. Il centro storico di Catania è un trionfo del barocco siciliano: Piazza del Duomo, con la sua Fontana dell’Elefante e la Cattedrale di Sant’Agata, è il cuore pulsante della città. Impossibile non menzionare l’anfiteatro romano e il Castello Ursino, ulteriori testimonianze della grande storia cittadina.

Grazie a Sant’Agata, Catania è una delle capitali mondiali del turismo religioso: la festa della santa, che si sviluppa in due periodi diversi dell’anno – febbraio e agosto – è la terza festa cattolica al mondo per fedeli attirati, nonché un elemento che connota fortemente le tradizioni catanesi. Per comprendere l’importanza della santa per la città è necessario partecipare alla processione (tranquilli, a trovare posto vi aiutiamo noi!).

Cosa mangiare e bere a Catania

Se vi sentite in forma, non può mancare una salita all’Etna, il più grande vulcano attivo d’Europa nonché sito UNESCO, una montagna di fuoco che con i suoi 3.300 metri circa d’altezza può riservare anche temperature molto rigide. Le eruzioni possono causare non pochi disagi, ma vederne una di notte è un’emozione unica.

Tra i piatti simbolo della città, che ha dato i natali al compositore Vincenzo Bellini, c’è la pasta alla Norma, preparata con melanzane, pomodoro, ricotta salata e basilico. Tra i dolci, vi conquisterà la granita, servita con la tipica brioche col “tuppo”, che sarà protagonista delle vostre colazioni.

GO-ON-ITALY Sicilia Catania
Sicilia, Catania

Messina, la porta della Sicilia

Messina, la città più vicina alla terraferma, è l’ingresso all’isola. Antichissima, fondata dai siculi con il nome di Zancle e ripopolata dai coloni greci con quello di Messena, Messina è un centro di vitale importanza per la Sicilia.

Il Duomo di Messina è uno dei principali simboli della città, e l’aspetto più caratteristico è custodito dalla torre campanaria, con il suo orologio astronomico: parliamo più complesso al mondo e, secondo alcune fonti, anche del più grande mai costruito, visto che le sue componenti sono distribuite sui vari lati e diversi livelli di altezza del campanile.

Imperdibili anche la Fontana di Orione e la Fontana di Nettuno. La cucina messinese è celebre per i suoi piatti a base di pesce, tra i quali spicca il pesce spada. I dolci come la pignolata e i cannoli di ricotta sono altrettanto rinomati. Non si può parlare di Messina senza menzionare i suoi vini, tra cui spicca il Mamertino, già apprezzato dai Romani.

GO-ON-ITALY Sicilia Messina
Sicilia, Messina

Siracusa, la Magna Grecia

Siracusa è un vero e proprio museo a cielo aperto. Fondata dai Greci nel 734 a.C., la città ha conservato molte testimonianze della sua antica gloria.

Il Parco Archeologico della Neapolis è uno dei siti archeologici più importanti d’Italia, con il Teatro Greco, l’Anfiteatro Romano e l’Orecchio di Dionisio a giocare i ruoli principali. L’isola di Ortigia, il centro storico di Siracusa, è un labirinto di stradine. Qui si trova la Cattedrale di Siracusa, costruita su un antico tempio greco, e il Tempio di Atena.

Il periodo ideale per visitare Siracusa è certamente l’estate, durante la quale si sviluppa il lungo calendario di rappresentazioni classiche al teatro greco, che attraggono appassionati da tutto il mondo. La cucina siracusana è un viaggio nei sapori della tradizione mediterranea. La pasta alla siracusana, con pomodoro fresco, aglio, peperoncino e acciughe, è un piatto semplice ma delizioso. Tra i dolci ricordiamo i mustazzoli e la cuccìa.

GO-ON-ITALY Sicilia Siracusa
Sicilia, Siracusa

Trapani, tra mare e montagna

Trapani, situata sulla costa occidentale della Sicilia, è famosa per le sue saline, i suoi mulini a vento e le isole Egadi, di cui è l’ingresso.

Il centro storico cittadino è un gioiello di architettura barocca, con chiese come la Cattedrale di San Lorenzo e la Chiesa del Purgatorio: qui sono ospitati i Misteri di Trapani, statue che vengono portate in processione durante la Settimana Santa di Pasqua. Il Castello di Venere, situato sul Monte Erice, offre una vista spettacolare sulla città e sul mare.

Trova il tuo hotel in Sicilia!

La cucina trapanese è famosa per il suo couscous di pesce, un piatto che riflette le influenze arabe. Le busiate, una pasta tipica, sono spesso condite con il pesto alla trapanese, fatto con pomodoro, mandorle, basilico e aglio. Tra i dolci, spiccano le cassatelle e i cannoli.

GO-ON-ITALY Sicilia Trapani Scopello
Sicilia, Trapani spiaggia di Scopello

Agrigento, l’antica Akragas

Agrigento è sinonimo di archeologia grazie alla sua celebre Valle dei Templi, uno dei siti archeologici più importanti del mondo e presente nell’elenco dei siti UNESCO.

La Valle dei Templi è un complesso di templi dorici che risalgono al V secolo a.C. Tra questi, il Tempio della Concordia, il Tempio di Giunone e il Tempio di Ercole sono tra i meglio conservati. Il centro storico di Agrigento, con le sue strette viuzze e le chiese medievali, merita una visita. Dalla grande collina che ospita la città oggi, nelle notti di luna piena, si gode una vista incredibile sull’antica Akragas.

La cucina agrigentina è ricca di piatti saporiti, come la pasta con le sarde e la minestra di San Giuseppe, preparata con una varietà di verdure locali. I dolci tipici includono i dolci di mandorla e i cannoli.

GO-ON-ITALY Sicilia Agrigento Valle dei Templi
Sicilia, Agrigento

Enna, il cuore

Situata al centro dell’isola, Enna è la città di maggior altitudine della Sicilia e offre panorami mozzafiato. Il Castello di Lombardia, una delle fortezze medievali più grandi d’Italia, e la Rocca di Cerere, un antico sito sacro, sono i principali punti di interesse. Necessario un salto anche alla Cattedrale, gioiello architettonico dalla facciata barocca. La cucina di Enna è semplice ma gustosa, con piatti come la pasta alla carrettiera e la vastedda, un tipo di focaccia. I dolci locali, come la pignolata e le cassatelle di Agira, sono perfetti per concludere un pasto.

GO-ON-ITALY Sicilia Enna Castello di Lombardia
Sicilia, Enna

Caltanissetta, splendore lontano dal mare

Caltanissetta è una città che non ti aspetti. Il Castello di Pietrarossa, che domina la città dall’alto, e la Cattedrale di Santa Maria La Nova, con i suoi affreschi barocchi, sono le principali attrazioni artistiche e artichettoniche. Il Museo Archeologico Regionale offre una vasta collezione di reperti che raccontano il passato. 

La cucina di Caltanissetta include specialità come la frittata di carciofi e i cavateddi, un tipo di pasta fresca. Tra i dolci, la cubaita, un torrone di semi di sesamo e mandorle, è molto popolare.

GO-ON-ITALY Sicilia Caltanissetta Mazzarino
Sicilia, Caltanissetta, Mazzarino

Ragusa, la perla del barocco

Ragusa è conosciuta per il suo straordinario patrimonio barocco, visibile soprattutto nel quartiere di Ragusa Ibla, un labirinto di stradine acciottolate, piazze e chiese barocche, come il magnifico Duomo di San Giorgio. Il Giardino Ibleo offre una vista panoramica sulla valle sottostante. Non possiamo rinunciare a una deviazione verso Santa Croce Camerina, dove in Contrada Punta Secca troviamo la casa di Montalbano. Un consiglio: meglio andarci in tarda primavera o in autunno, per godere appieno dell’atmosfera magica della verandina senza troppa folla. 

La cucina ragusana è famosa per i suoi formaggi, come il caciocavallo ragusano, e per le scacce, focacce ripiene. I dolci, come i cannoli e le paste di mandorla, sono altrettanto deliziosi; nella provincia troviamo Modica, famosa per il suo cioccolato.

GO-ON-ITALY Sicilia Ragusa Ibla
Sicilia, Ragusa Ibla

La Sicilia è una regione di straordinaria bellezza e diversità. Ogni città offre una combinazione unica di storia, architettura, arte e cucina, rendendo ogni visita un’esperienza indimenticabile. Che aspettiamo? Si parte!

Ti consigliamo anche

Asti

Piemonte

The Best Painless
Surgery Undertaken

by the famous celebrity doctor

Rimini

Emilia-Romagna

The Best Painless
Surgery Undertaken

by the famous celebrity doctor

Cosenza

Calabria

The Best Painless
Surgery Undertaken

by the famous celebrity doctor

Subscribe to our Newsletter

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Ut elit tellus, luctus nec ullamcorper mattis, pulvinar dapibus leo.

Condividi con i tuoi amici

Trova il tuo itinerario

Trova il tuo itinerario